Pink salad…femminilità al cubo!

Questo mese la sfida dell’MTC,  era dedicata alle insalate, le insalate viste come veri e propri piatti unici e non come semplici contorni. Leo, ci ha regalato una versione davvero affascinante della Caesar Salad, noi però eravamo liberi di spaziare con gli ingredienti ed io ho riflettuto davvero a lungo questa volta. Le mie elucubrazioni mi hanno portato ad affermare che le insalate sono femminili. Ebbene si’, difficilmente gli uomini ordinano un’insalata al ristorante, questo può succedere se sono in pausa pranzo e devono riprendere in ufficio, diversamente devo affermare senza troppi dubbi che sono le donne le vere estimatrici delle insalate…perche?? Facile, se non si esgera con il condimento le insalate possono definirsi light e quindi adatte a chi è sempre attento alla linea. Inoltre sono complete, contengono verdure e proteine ma possono arricchirsi anche di frutta fresca o secca…insomma le varianti sono infinite. Così, con questa consapevolezza in testa ho pensato ad una salad che esaltasse il suo lato femminile. La scelta dell’insalata riccia ad esempio non è casuale, è un tipo di insalata che mio marito non comprerebbe mai, per lui solo lattuga romana. Ho aggiunto degli straccetti di pollo alla griglia profumati al timo, gustosi ma leggeri e poi dei mirtilli bio davvero strepitosi, ricchi di anti-ossidanti. I crostini? sì ma di pane integrale, pieni di fibre amiche di noi donne e poi, per finire, fiori di malva, che non solo donano un tocco decisamente femminile ma hanno proprietà emollienti, antinfiammatorie e…lassative…si può dire????:)))) Per condire? Una semplice emulsione di olio e aceto balsamico, semplice semplice. Buon appetito donne!!…Ah, è vero che bisogna stare attenti alle calorie ma un bicchierino di buon vino non può certo nuocere…anzi!!! Quindi, mi raccomando, andate a leggere l’abbinamento di Sabina…si rimane in Piemonte!
Pink salad
La lista della spesa (per 2 persone):
– 1 cespo piccolo di insalata riccia verde
– 1 cespo piccolo di insalata riccia rossa
– 250g di petto di pollo
– 1 mazzetto di timo
– 200g di mirtilli (io mirtilli bio Il Sottobosco)
– fiori di malva
– 1 sfilatino di pane integrale
– olio evo
– aceto balsamico
– sale
1) Mondare e pulire l’insalata poi dividerla in cimette, mettere da parte.
2) Tagliare il pane a cubetti e tostarli in padella con un filo d’olio finchè non saranno dorati e croccanti.
3) Tagliare il petto di pollo a piccole striscioline, cuocerlo sulla griglia leggermente unta e aggiungervi in cottura le foglioline di timo fresco e regolarlo di sale.
4) Sistemare l’insalata nei piatti, aggiungervi le striscioline di pollo, i mirtilli puliti, i crostini e i fiori di malva. 
5) In un barattolo mettere l’olio, l’aceto balsamico e il sale, chiudere il barattolo e sbattere finchè gli ingredienti non saranno emulsionati. Condire l’insalata e servire.
L’abbinamento di VivailVino:
Un piatto molto leggero ma gustoso, compagno ideale di queste giornate estive. Un’insalata così fresca e delicata deve trovare nel vino caratteristiche simili, in modo che sapori e profumi si combinino in modo piacevole. Una raccomandazione è quella di avere la mano leggera con l’aceto, che purtroppo non è mai molto amico del vino, pregiudicandone sentori e gusto.
Detto questo vi riporto in Piemonte per trovare il Roero Arneis dell’azienda Pescaja, dove il fruttato è predominante sia al naso che in bocca e dove la buona morbidezza è giustamente bilanciata da freschezza e sapidità. La vinificazione fatta in acciaio ci da il giusto grado di piacevolezza senza la  complessità derivante dal passaggio in legno, che per il nostro abbinamento di oggi sarebbe eccessiva.  Un vino di carattere, che non stanca mai.
Una curiosità sul produttore che considera l’attenzione per la natura e la naturalezza delle cose cardine fondamentale su cui fondare tutte le proprie scelte. Il nucleo principale della parola Pescaja, SCA, sono le iniziali di Sole, Cuore e Anima. Il Sole è il sinonimo del territorio, il Cuore è il motore di ogni iniziativa, insieme sono le premesse per ottenere prodotti con “Anima”, ricchi di personalità e forti di uno stile unico. Beppe Pescaja oltre a fare del buon vino, vorrebbe comunicare al mondo un modo di essere, di pensare e di vivere.
Trovate il Roero Arneis docg in enoteca a circa 10 euro, oppure potete recarvi a Cisterna d’Asti per un acquisto diretto in azienda.
Buona degustazione e buon inizio d’estate a tutti!
Sabina
Immagine presa dal web

24 commenti su “Pink salad…femminilità al cubo!

  1. un grande piatto cara Ambra… ma senti un po', tu lo hai già vinto un MTC neh!!! Noialtre povere comuni mortali invece, si arranca ogni mese ;)
    Un bacio
    PS: questo WE vado da Juri. GRAZIE!!!

  2. senza parole bella elegante e soave complimentissimi come sempre e pensare che io ho conosciuto l'mtc tramite te ho partecipato tramite te la prima volta ed ora non posso farne a meno grazie

  3. una bella presentazione…adoro il colore viola e lilla. li trovo molto sensuali. la tua è un'insalata a mio avviso primaverile. Pura, Sensibile , Attraente, sono forse queste le caratteristiche della femminilità al cubo?

  4. Adoro mangiare la insalata in questa stagione, non mi va niente altro, e per quello che cerco insalate diverse per variare,questa mi sembra molto originale, sarebbe un vero peccato no copiare la ricetta. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.