Sciroppo di assenzio

Sciroppo di assenzio

Una delle cose che mi rende più felice è girare per vivai e fare incetta di fiori, piante e aromatiche. Ogni volta mi faccio prendere la mano e mi lancio alla scoperta di rarità e aromi nuovi che possano arricchire le mie ricette. E’ andata proprio così per la mia pianta di assenzio acquistata due anni fa e ancora mai utilizzata. La vedevo che mi guardava dal suo vaso in giardino come per dire “Beh! Quando arriva la mia ora?”. Le idee erano poche e confuse e così nell’attesa di creare qualcosa di soddisfacente ho deciso di impiegarlo per preparare lo sciroppo di assenzio. Il procedimento è facilissimo, io lo utilizzo per fiori e piante e sono felice del risultato. Cosa potete farci? Lo trovo ottimo per aromatizzare i dolci tipo il gelato al fior di latte o la panna cotta, come topping conferisce un sapore fresco e sofisticato ma mai banale, con la sua nota un po’ amara. Oppure per profumare la crema pasticcera o quella al latte ma anche come sciroppo per bagnare un pan di spagna o una torta. Certo il sapore non è convenzionale, dovete essere aperti e sperimentare. Amo la nota un po’ agrumata e il suo profumo pungente ma è sicuramente una preparazione per pochi. Se avrete la fortuna di mettere le mani su una pianta di assenzio non esitate a provarlo, è pronto in poche ore e si conserva bene in frigorifero.

Ingredienti per un barattolino di sciroppo di assenzio:

  • 20g di foglie di assenzio
  • 120ml di acqua
  • 120g di zucchero

Procedimento:

  1. Portate ad ebollizione l’acqua con lo zucchero finchè non si sarà completamente sciolto poi versatelo sopra le foglie di assenzio precedentemente sminuzzate.
  2. Lasciate in infusione coperto per almeno 5 ore quindi filtrate, la prima volta con un colino e la seconda con una velina per rimuovere tutti i pezzettini anche più piccoli e ottenere uno sciroppo limpido.
  3. Trasferite in un vasetto precedentemente sterilizzato, chiudete bene e conservate in frigorifero.

Sciroppo di assenzio fresco

Ricetta: Sciroppo di assenzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *